Vespri Corali nella Basilica dei Frari

Il vespro cantato è una celebrazione che unisce parola e musica, e permette a chi vi partecipa di soffermarsi per ritrovare un attimo di pace al termine della giornata.
Ti invitiamo a partecipare ai vespri solenni cantati nella Basilica dei Frari per vivere un momento di intensa spiritualità e di musica corale, che attinge dall’immenso tesoro musicale, antico e contemporaneo.
Si potrà prendere parte al vespro seduti nell’antico coro ligneo della Basilica. Non c’è bisogno di prenotazione e biglietto.
A tutti i partecipanti verrà distribuito un libretto per seguire la celebrazione del vespro.
Ti aspettiamo domenica 4 ottobre, festa di san Francesco d’Assisi, alle ore 16.00 per il primo appuntamento dei Vespri corali; seguiranno altri due vespri cantati il 18 ottobre (il vespro è sospeso) e il 1 novembre.

ORARIO VISITE dal 5 agosto

Da mercoledì 5 agosto 2020 l’orario per le visite artistiche alla Basilica dei Frari torna alla normalità:

  • feriale 9.00-18.00
  • domenica e festivo 13.00-18.00
    (ultimo ingresso 17.30)

Rimane obbligatorio indossare la mascherina durante la visita e igienizzarsi le mani all’ingresso.
Non è necessario prenotare la visita

Monumento al Canova verso il restauro definitivo

Il 2 luglio 2020 ha preso avvio il cantiere che servirà a mettere in sicurezza le sculture del Monumento al Canova e a studiarne il restauro. La prima fase dei lavori servirà anche ad aggiornare lo stato attuale dell’opera, e a studiare le modalità per il successivo restauro. I tempi del complesso e delicato lavoro saranno lunghi: solo al termine di questa prima fase di indagine si potranno definire i tempi necessari per l’intero restauro.
Il programma di restauro è finanziato interamente dal comitato privato Venice in Peril che ha preso a cuore la salvaguardia di quest’opera. L’opera originale al momento è parzialmente visibile.

Dal 3 Giugno riaprono le visite artistiche ai Frari

Siamo lieti di comunicare che la Basilica dei Frari da mercoledì 3 giugno riapre alle visite artistiche. La Basilica dei Frari non ha mai chiuso le sue porte ai fedeli per tutto il periodo dell’emergenza Covid-19, come sempre affermato dai vari decreti ministeriali per i luoghi di culto, continuando ad essere punto di riferimento spirituale anche in un tempo così difficile. La nostra comunità religiosa ha continuato a celebrare senza la presenza dei fedeli la santa Messa. Un’iniziativa molto apprezzata è stata l’illuminazione della cella campanaria: per oltre un mese e mezzo, dalla Domenica delle Palme fino alla domenica di Pentecoste, alle 21 in punto si sono accese le luci che facevano risplendere la sommità dell’alto campanile visibile da molte parti di Venezia: un concreto segno di vicinanza della comunità di frati francescani e di speranza per tutti. Inoltre, da domenica 24 maggio con la ripresa delle celebrazioni eucaristiche festive secondo il protocollo CEI-Governo la comunità cristiana dei Frari ha potuto riassaporare la gioia di ritrovarsi insieme. È giunto il momento di fare un ulteriore passo: dal 3 giugno, seguendo le disposizioni ministeriali e regionali per l’apertura dei musei e dei luoghi di cultura, anche la Basilica dei Frari riapre alla visite artistiche in sicurezza secondo una programmazione straordinaria che potrà in ogni momento essere rivista alla luce dell’evoluzione della situazione di emergenza.

I frati francescani dei Frari

Scarica il file
norme visita Basilica dei Frari COVID-19

Ricominciamo…

Da lunedì 18 fino a domenica 31 maggio la Basilica osserverà l’orario di apertura qui sotto riportato.Riprenderanno secondo il protocollo concordato le celebrazioni eucaristiche feriali e festive: a tal proposito vi chiediamo di seguire le indicazioni affisse all’ingresso della Basilica e degli incaricati.
Le visite saranno permesse solo a condizione di rispettare le norme (obbligo della mascherina e distanziamento di almeno 1 metro). Alcune parti della chiesa non sono visitabili. Nel frattempo riprenderanno i lavori di restauro della pala dell’Assunta di cui vi daremo conto in un prossimo messaggio.

Il Cristo risorto ai Frari

Auguri di Buona Pasqua!
A tutti voi un anticipo dell’opera di restauro della cornice della pala dell’Assunta di Tiziano: in cima, sulla sommità della cornice contempliamo il monumentale Cristo Risorto di Lorenzo Bregno (prima non visibile perché annerito da polveri e fuliggine).
L’evento della risurrezione è di luce per la nostra vita: la speranza è più forte della disperazione, la vita è più forte della morte, il bene ha sempre la meglio sul male: Cristo risorto è la speranza della nostra vita! In questo tempo pasquale che sarà di rinascita per tutti noi, ritroviamo nell’evento della Pasqua di Gesù anche il motivo di credere alla nostra Pasqua con Lui per rinascere a una vita nuova e rinnovata.
Tra pochi mesi (speriamo subito dopo l’estate o entro fine anno, ma la situazione attuale ha rallentato l’opera di restauro) quando verranno tolti i primi ponteggi, potremo ammirarne tutta la bellezza e luminosità dl Cristo risorto, che va letto e guardato insieme alla forza travolgente del sottostante dipinto del Tiziano: Maria che viene assunta in cielo, già partecipa prima tra tutte le creature della risurrezione. è anticipo della gloria futura che tutti ci attende.
Buona Pasqua a ciascuno di voi e alle vostre famiglie!

Cristo risorto di Lorenzo Bregno, Basilica dei Frari, Venezia (foto di Matteo De Fina)

Una luce brilla nel buio, la speranza per il futuro del mondo

La cella del campanile della Basilica dei Frari si illumina in questa Settimana Santa per dare speranza e forza ai nostri cuori e affrontare questo difficile tempo confidando nell’aiuto del Signore e nella solidarietà dei gesti di amore e fratellanza.
Dalla sera della domenica delle Palme 5 aprile fino al giorno di Pasqua 12 aprile, dalle ore 21.00 alle ore 23.00, la sommità del campanile tra i più alti di Venezia è illuminato a giorno: un segno per tutti i veneziani e per i più lontani attraverso i social per innalzare il nostro sguardo con speranza mentre attraversiamo questo momento con trepidazione e smarrimento. La luce del campanile della chiesa dei Frari è un segno di vicinanza a tutti i parrocchiani e ai visitatori che hanno dovuto sospendere qui, come in tantissime altre chiese, di poterla frequentare per celebrare le liturgie della comunità cristiana e ammirare le sue opere d’arte.

Vuole essere anche un abbraccio simbolico da parte di tutta la comunità dei frati francescane che al suo interno, a porte chiuse, continua a elevare la sua preghiera e la supplica di tante persone, accompagnando e sostenendo con gli strumenti tecnologici le famiglie, gli anziani, specialmente le persone sole, gli ammalati.

Con l’augurio di poter tornare a ritrovarci nuovamente ai piedi della pala dell’Assunta per ammirarne la bellezza e continuare insieme la nostra preghiera.

Pace e Bene!

La comunità francescana dei frati dei Frari

La cella del campanile dei Frari si illumina in questa Settimana Santa per dare speranza e forza ai nostri cuori e affrontare questo difficile tempo confidando nell'aiuto del Signore e nella solidarietà dei gesti di amore e fratellanza.

Posted by Basilica dei Frari on Sunday, April 5, 2020

La Basilica aperta per la preghiera

Seguendo le disposizioni delle autorità competenti e le indicazioni del Patriarcato  di Venezia informiamo che sono sospese le Sante Messe feriali e festive fino al 3 aprile. La chiesa rimane aperta rispettando le indicazioni di sicurezza stabilite dal DPCM* dell’8 marzo 2020.
ORARI DI APERTURA
LUN-SAB: 8.00-10.00; 17.00-19.00
DOM: 9.00-12.00; 17.00-19.00

La comunità dei frati francescani dei Frari nella preghiera quotidiana continuerà ad affidare al Signore le intenzioni di tutta la comunità parrocchiale e di coloro che si affidano alle nostre preghiere.
Chiediamo l’intercessione di Maria che veneriamo in questa Basilica come Assunta e la sua protezione su noi tutti, in particolare quelli che soffrono, su Venezia, sull’Italia, sul mondo intero.

* Si possono tenere aperti i luoghi di culto, senza organizzarvi alcun tipo di celebrazione religiosa e a condizione di adottare misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro di cui al n. 1 del DCPM;

Quotidiana manutenzione ai Frari

Nella Basilica dei Frari oltre alla conservazione delle opere artistiche (sono in corso il restauro dell’Assunta di Tizano e della tela di santa Caterina d’Alessandria di Jacopo Palma il Giovane) il grande lavoro di manutenzione ordinaria continua incessantemente dentro e fuori la chiesa. Ora è toccato al grande portone laterale che apre sul Campo dei Frari. A presto vi aggiorneremo su altri interventi.