Medaglia d’oro al merito civile per p. Placido Cortese

È con gioia e riconoscenza che noi, frati francescani dei Frari, vi rendiamo partecipi dell’importante riconoscimento della Repubblica Italiana, la Medaglia d’oro al merito civile, conferito dal Presidente Sergio Mattarella al nostro confratello padre Placido Cortese (1907-1944), francescano conventuale, che durante la Seconda Guerra aiutò prigionieri internati nei campi di concentramento e riuscì a far fuggire molti ebrei. Venne poi barbaramente ucciso a Trieste nel 1944 ed ora è in corso il processo di canonizzazione.
Lo ricordiamo qui perché Padre Placido Cortese è legato anche alla nostra Basilica dei Frari quando soggiornò a Venezia per più di un mese dal settembre all’ottobre del 1927 dopo aver lasciato Cherso, sua terra natale. In poche parole così descriveva la Basiica dei Frari in una lettera indirizzata alla sorella (che abitava a Cherso): “La nostra Chiesa (dei Frari) è magnifica. Una purezza di linee che sorprende, un’abside divina dove campeggia l’Assunta del Tiziano, tutta la Basilica nell’assieme è un gioiello d’arte e di bellezza”. In altre lettere scritte in quel periodo a Venezia, ricorda le solenni e sempre ben curate celebrazioni a cui partecipava.

Medaglia-d-oro-al-merito-civile-per-p-placido-cortese